Cucine di Strada per le vie di Roma - MIC

 info@mosaicoitalocroato.com
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cucine di Strada per le vie di Roma



Cucine di Strada per le vie di Roma
dal 8 al 11 Ottobre 2015
giovedì 8 dalle 19 alle 24
venerdì 9 dalle 19 alle 24
sabato 10 dalle 12 alle 24
domenica 11 dalle 11 alle 22
IL PERCORSO
Nella spendida cornice di Garbatella i mangiari allestiranno le loro cucine in

Via Francesco Passino
Piazza Damiano Sauli
Via Giacomo Rho
Via Giustino De Jacopis
Piazza Sant’Eurosia
Parco Nobels
Cucine di strada per le vie di Roma

dal 08/10/2015 al 11/10/2015

Friemmo e magmammo, urla il friggitore di strada per le vie di Napoli, Folpetti caldi e ben cotti scandiva la voce dell'ambulante in Veneto. Ogni cibo ha il suo grido, ogni ambulante il suo richiamo e le cucine di strada davano vita, gusto ed odore alle città.

L'evento Cucine di strada per le vie di Roma, dall'8 all' 11 ottobre, farà rivivere le atmosfere di un modo di mangiare antico tipico delle piazze dei porti e dei mercati.

Sessanta mangiari sposteranno le loro cucine nelle vie di Garbatella e prepareranno in diretta il loro cibo di strada storico come arrosticini, bombette pugliesi, lampredotto, crescia e tanto altro, ma anche nuove interpretazioni creative.

Si alterneranno tra i mangiari anche molti artigiani per completare il panorama dei lavori che si svolgevano nelle vie e nelle piazze e che davano vita all'eterna "commedia della domanda e dell'offerta".

Qualche anticipazione: una parte di Parco Nobels sarà dedicata alla pizza, pizzaioli provenienti da tutta Italia si alterneranno ai forni a legna per fare assaggiare le loro specialità. Non solo pizza ma anche pane, a piazza Sant'Eurosia, l'Associazione Panificatori di Roma preparerà il pane e dolci da forno e inizierà il suo progetto di sostegno ai bisognosi associato al Giubileo.

Nel percorso pedonale che si snoderà nelle vie di Garbatella avranno il loro spazio anche attività ludiche e ricreative per grandi e bambini.

Cucine di strada sarà anche dibattiti e workshop, organizzati con la collaborazione della Facoltà di Architettura dell'Università degli Studi Roma Tre e Bicocca for Expo 2015 in cui interverranno istituzioni romane e autori di libri dedicati al cibo di strada, ma anche show cooking e incontri sul cibo.

Musica, progetti fotografici, spettacoli avranno uno spazio importante durante l'evento, sui palchi installati a Piazza Damiano Sauli e Parco Nobels si alterneranno artisti emergenti, musicisti e cabarettisti.

Non un festival ma una festa lunga quattro giorni in cui i protagonisti saranno i richiami dei mangiari e dei mestieri antichi, i fumi delle cucine, gli effluvi delle preparazioni e lo storico quartiere di Garbatella con i suoi vicoli e sui lotti.

Con il Patrocionio di: Regione Lazio, Assessorato Roma Produttività e Città Metropolitana, Roma municipio VIII.

CONTATTI
info@sartidelgusto.it
Tel. 328 2881275 - 328 4537046
(fonte Romatoday)


Vedete quel’ometto sur cantone
che se guarda la panza e se l’alliscia
con una specie de venerazzione?
Quello è un droghiere ch’ha mischiato spesso
er zucchero còr gesso
e s’è fatta una bella posizzione.
Se chiama Checco e è un omo che je piace
d’esse lasciato in pace.
Qualunque cosa che succede ar monno
poco je preme: in fonno
nun vive che per quella
panzetta abbottatella.


E la panza j’ha preso er sopravvento
sur core e sur cervellom tant’è vero
che, quanno cerca d’esternà un pensiero
o deve espone quarche sentimento,
tiè d’occhio la trippetta e piano piano
l’attasta co’ la mano
perché l’ajuti ner raggionamento.

Quanno scoppiò la guerra l’incontrai.
Dico: - Ce semo… - Eh, - fece lui – me pare
che l’affare se mette male assai.
Mò stamo a la finestra, ma se poi
toccasse pure a noi?
Sarebbe un guajo! In tutte le maniere,
come italiano e come cittadino
io credo d’avè fatto er mi’ dovere.
Prova ne sia ch’ho proveduto a tutto:
ho preso l’ojo, er vino,
la pasta, li facioli, er pecorino,
er baccalà, lo strutto…. –

E con un’aria seria e pensierosa
aggricciò l’occhi come pe’ rivede
se nun s’era scordato quarche cosa.
Perché, Checco, è così: vô la sostanza,
e unisce sempre ne la stessa fede
la Madre Patria co’ la Madre Panza.


(Trilussa,  La madre panza)


S'io facessi il fornaio
vorrei cuocere un pane
così grande da sfamare
tutta, tutta la gente
che non ha da mangiare.
Un pane più grande del sole,
dorato, profumato
come le viole.
Un pane così
verrebbero a mangiarlo
dall’India e dal Chilì
i poveri, i bambini,
i vecchietti e gli uccellini.
Sarà una data
da studiare a memoria:
un giorno senza fame!
Il più bel giorno di tutta la storia.


(Gianni Rodari, Il pane)
Filastrocca tratta da "Filastrocche in cielo e in terra" di Gianni Rodari ed. Einaudi.


                                                                            illustrazione di Filippo Pirro

Viva Romeo! Er mejo der Colosseo!
dalle CUCINE DI STRADA PER VIE DI ROMA ci dicono che l'Ape Romeo sta arrivando a Cucine di Strada per le Vie di Roma e porterà:
Churrasco alla coca cola
Pita al nero di seppia al polpo e patate
Burrito di Romeo vegetariano
il tutto accompagnato dalle birre di Birra del Borgo
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu